270 grammi di dolcezza. È lei la neonata di panda più grande

Alessio Pagani | mercoledì 24 agosto, 2022

Il record è stato registrato al Wolong Shenshuping Panda Base, centro di ricerca sui panda nella provincia di Sichuan, nella Cina sudoccidentale.

Non ha ancora un nome ma un record lo ha già raggiunto. È la cucciola di panda, di sesso femminile, più grande mai nata in cattività. Primato agguantato grazie ai suoi 270,4 grammi certificati dal centro di ricerca sui panda nella provincia di Sichuan, nella Cina sudoccidentale. A darla alla luce, nei giorni scorsi, è stata mamma Cuicui, 16 anni. Un parto avvenuto nella Wolong Shenshuping Panda Base che ha battuto il precedente record di peso alla nascita fatto registrare nel 2021 con un piccolo di 249 grammi. Si è concluso così un parto che ha rischiato di complicarsi visto che Cuicui ha impiegato molto tempo per mostrare qualsiasi reazione al travaglio dopo che le si erano rotte le acque. «Eravamo tutti preoccupati che avrebbe avuto un parto difficile e che il cucciolo potesse essere in pericolo per mancanza di ossigeno» ha sottolineato Cheng Jianbin, uno dei tecnici del centro.

«Cuicui camminava avanti e indietro nella sala parto e sembrava agitata. Preoccupati come eravamo, potevamo solo monitorarla e osservarla per tutto il giorno, aspettando in silenzio e facendole compagnia». Solo dopo 40 ore dalla rottura delle acque mamma panda ha partorito. «Non ci aspettavamo che Cuicui ci desse una sorpresa così grande dando alla luce un piccolo così pesante», ha aggiunto Cheng. Un risultato invidiabile raggiunto dal Wolong Shenshuping Panda Base, struttura specializzata proprio nella riproduzione dei panda giganti. Qui, questi animali vengono seguiti 24 ore su 24 nei loro periodi di gestazione grazie a telecamere, monitor e analisi tempestive. Da giugno, grazie a questo sistema, hanno già partorito sei panda e la struttura ha potuto accogliere finora 11 nuovi cuccioli, con ben cinque coppie di gemelli.  

(Foto: IPA)

Copyright © 2022 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags:
Potrebbe interessarti anche