Villasimius, le colonie feline saranno curate grazie alla tassa di soggiorno

Alessio Pagani | sabato 4 giugno, 2022

L’iniziativa rientra in un progetto triennale per i gatti randagi che passa attraverso la cura e la sterilizzazione e una convenzione siglata dal Comune con la LAV, finanziata con i fondi provenienti dal turismo.

Comune di Villasimius e LAV alleati per il benessere dei gatti. Che saranno tutelati grazie anche ai fondi provenienti dalla tassa di soggiorno che i turisti versano nelle casse del comune meta di tanti vacanzieri in provincia di Cagliari. È stata siglata, infatti, una convenzione che prevede un progetto triennale mirato alla gestione del randagismo felino attraverso la cura e la sterilizzazione delle colonie feline che si trovano sul territorio comunale. «L’importante elemento di innovazione», chiariscono dal municipio e dalla Lega anti vivisezione, «è rappresentato dalla scelta del Comune di attingere ai fondi derivanti dal versamento della tassa di soggiorno per finanziare le sterilizzazioni dei felini liberi». I volontari della LAV si occupano dal 2020 dei randagi di Villasimius a seguito di numerose richieste di intervento ricevute soprattutto dai turisti. Così dopo una prima fase pilota del progetto che ha interessato due colonie feline, per un totale di circa 25 esemplari sterilizzati, è stato avviato un censimento più articolato per individuare ulteriori gruppi di gatti liberi che necessitano di monitoraggio e assistenza.

In concreto, municipio e associazione operano la richiesta di riconoscimento all’Asl delle nuove colonie individuate e parallelamente vengono effettuate le catture e il trasferimento in ambulatorio dei mici. Lì questi gatti saranno dotati di microchip, sterilizzati e sottoposti a profilassi antiparassitaria. Dopodiché saranno liberati nelle loro aree di provenienza. Luoghi che, proprio grazie a questo progetto, saranno dotati di punti cibo e dispenser per l’acqua. Strutture che riporteranno il logo del comune e della LAV, «proprio per ricordare a cittadini e turisti che i gatti liberi sono accuditi dai volontari e tutelati dalla legge». «Sempre più viaggiatori scelgono le proprie mete tenendo conto anche del rispetto e dell’attenzione agli animali che troveranno», chiarisce Roberto Corona, Responsabile LAV Cagliari. «Villasimius, gioiello turistico rinomato, è all’avanguardia, grazie all’innovativa metodologia di finanziamento di questo progetto, e può essere un virtuoso esempio etico per tante altre località». Con il paese che sarà una vera e propria oasi del benessere felino. «E questo sarà un fattore decisivo», conclude il sindaco Gianluca Dessì, «per renderci sempre più attrattivi. Senza dimenticare l’importanza di salvaguardare le colonie feline riducendo i rischi igienico sanitari».

(Foto: LAV)

Copyright © 2022 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags:
Potrebbe interessarti anche