La First Cat Willow è la nuova padrona della Casa Bianca

Alessio Pagani | mercoledì 13 aprile, 2022

Un video diffuso dalla presidenza racconta le avventure della gatta soriana adottata lo scorso gennaio da Jill e Joe Biden. Tra un sonnellino e la caccia ai biscotti è già diventata l’inquilina numero uno.

Testare la comodità di ogni scrivania. Da quella dello Studio ovale, fino alle postazioni degli uscieri. Con il solo obiettivo di scoprire quale sia la migliore per schiacciare un pisolino. Sorvegliare gli uccellini che si avvicinano alle finestre per scongiurare ogni possibile intrusione. E perlustrare ogni stanza alla ricerca di biscottini. Sono tanti e disparati i compiti che Willow, la gatta della famiglia Biden, svolge alla Casa Bianca. Lo conferma la First Lady americana Jill che, per mostrare al mondo uno spaccato della vita della First Cat, ha rilanciato sui suoi account social un video di circa un minuto, incentrato sulle avventure della miciona. Arrivata nella famiglia presidenziale alla fine dello scorso gennaio si è già inserita alla perfezione. Grigia, occhi verdi, Willow è originaria della Pennsylvania ed è stata proprio la signora Biden a sceglierne il nome: si chiama come la sua città natale, Willow Grove. Il portavoce di Jill Biden, Michael LaRosa, ha raccontato che il primo incontro tra la gatta e il presidente è avvenuto nel 2020 «quando l’animale è salito sul palco di un evento e si è subito stabilito un legame tra i due». Tanto da spingere poi la famiglia ad adottarla ufficialmente.

Per la giovane soriana il filmato, pubblicato insieme al portale The Dodo in occasione del National pet day statunitense, celebrato l’11 aprile, rappresenta il battesimo mediatico ufficiale. La giusta dose di riflettori per portare un po’ di leggerezza in un periodo non troppo semplice per la presidenza. Altro compito – quello di strappare un sorriso anche nei momenti più delicati della vita politica – che da sempre spetta agli inquilini a quattro zampe della Casa Bianca.

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: