Skip to Content
image description

Salvador Dolly, la cagnolina con i… baffi!

Le avventure di questa irresistibile cagnetta, figlia di una mamma pastore tedesco, è nota da cinque anni, quando fu trovata abbandonata con i fratellini, ma non smette di appassionare. Il suo muso così particolare l’ha resa una celebrità e soprattutto una testimonial d’eccezione per la causa dell’adozione di cani abbandonati.

di Leonardo Pini
apertura

Nel vasto universo dei cani che hanno conquistato Internet, c’è una speciale protagonista che ha rubato il cuore di tutti con la sua straordinaria somiglianza a un’icona dell’arte surrealista. È Salvador Dolly, una irresistibile cucciola nata da un incrocio tra una mamma pastore tedesco e un padre sconosciuto, con una caratteristica distintiva che la rende unica nel suo genere: dei baffi che sembrano un omaggio al grande pittore Salvador Dalì. 


La storia di Salvador Dolly, abbandonata appena nata con tutti i fratellini, ha inizio nel 2019, quando fu salvata insieme alla sua famiglia dal Dallas Animal Services. Nata con quei baffi caratteristici e incredibili (in realtà sono una chiazza di pelo più scuro sul muso) che richiamano l’estro di Dalì, la cagnolina è diventata rapidamente virale sui social media, catturando l’attenzione e l’affetto di migliaia di persone da ogni angolo degli Stati Uniti e anche oltreoceano.

interno
Salvador Dolly nel 2020 quando partecipò al Puppy Bowl. Foto: Facebook / We Rate Dogs


Nonostante la sua giovanissima età, Salvador Dolly è stata trasferita alla Hearts & Bones Rescue di New York City, un’organizzazione senza scopo di lucro che si adopera per salvare i cani in difficoltà. Qui, ha continuato a incantare tutti coloro che hanno avuto la fortuna di incontrarla, con il suo muso così speciale, decorato da quei baffi così “umani”. Dolly è diventata la testimonial della campagna per promuovere l’adozione dei cani. 


In un video che fece il giro dei social di tutto il mondo si vede il passaggio del cucciolo dal Dallas Animal Service all’Hearts & Bones Rescue di New York City. Tutti i volontari del centro texano indossano baffi arricciati, uguali a quelli che sembra avere l’irresistibile Salvador Dolly. Alla fine di questo articolo, trovate il video molto carino.


Adottata da una famiglia di Provincetown, una piccola cittadina del Massachussets, la storia di Salvador Dolly ha fatto il giro del mondo. Nella villetta a schiera residenziale, simbolo della borghesia americana, la cucciola non è più sola. È arrivato Perry, un fratellino più giovane che, a differenza di Dolly, non ha una chiazza di pelo a forma di baffi sul muso: il suo è bianco come la neve. In alcune foto circolate in rete, si vedono i due cani che sonnecchiano vicini su una panchina. 

per interno
La cagnolina oggi, con un fratellino che invece non ha i “baffi” come lei. Foto: Facebook / We Rate Dogs


La fama del cane più noto di Provincetown è cresciuta esponenzialmente, con i suoi video e le sue foto che hanno catturato l’attenzione di media nazionali e internazionali. Salvador Dolly è stata protagonista di articoli su riviste e apparizioni in programmi televisivi, come il “Good Monring America” e il “Late Show with Stephen Colbert”, diventando una vera celebrità nel mondo degli animali domestici.
Oltre alla sua presenza virtuale, Salvador Dolly è anche un’ambasciatrice per l’adozione di animali domestici e nel 2020 ha partecipato al Puppy Bowl, il Super Bowl a tema canino che ogni anno precede l’evento più atteso dello sport americano. 


Molto più di un cane con baffi straordinari, Salvador Dolly è diventata un’icona di speranza nel mondo degli animali domestici. E nonostante sia cresciuta parecchio, da quando nel 2019 per la prima volta si iniziò a parlare di lei, e in pochi la riconoscano come quando era cucciola, la sua presenza è l’ennesima testimonianza che tutti gli animali sono unici e meritano il nostro amore.

In apertura: Quando era cucciola, appena ritrovata. Foto: Facebook / We Rate Dogs

Copyright © 2024 – Tutti i diritti riservati