Pesce angelo o scalare

Origini

Appartiene alla famiglia dei Ciclidi e vive in natura nelle acque dolci e calme del bacino del Rio delle Amazzoni.

Caratteristiche

Corpo molto alto e compresso ai fianchi; la pinna dorsale e quella anale sono lunghe e diritte, sorrette da raggi che si assottigliano in prossimità della parte terminale della pinna. Le pinne ventrali sono filiformi, formate da pochi raggi, mentre quella caudale è molto ampia e presenta raggi laterali allungati.
In natura questo pesce è di colore grigio argento con circa quattro strisce trasversali scure di diversa intensità: da quella che attraversa l’occhio a quella subito prima della pinna caudale. Numerose altre livree sono state selezionate dagli allevatori.
Taglia: 15 cm di lunghezza e 26 di altezza, comprese le pinne. In cattività resta più piccolo.
Dimorfismo sessuale: le femmine sessualmente mature si riconoscono dal ventre gonfio; la forma della papilla genitale è appuntita nel maschio, arrotondata nelle femmine.

Ambiente

Acquario spazioso e con angoli ricchi di vegetazione (piante fluttuanti). L’acqua deve essere leggermente acida (pH intorno a 7), con temperatura tra 24 e 30 °C.

Alimentazione

In natura si nutre di vermi, piccoli pesci, larve di insetti. Questo cibo va alternato a quello secco in scaglie o in granuli.

Comportamento e Riproduzione

Pesce tranquillo che convive facilmente in piccoli gruppi; forma coppie monogame.
Le uova, deposte sulle piante acquatiche o anche sul vetro, si schiudono dopo 24-36 ore e i genitori dopo aver ripulito i piccoli con la bocca li trasportano sul fondo, in piccole fosse preparate precedentemente. Dopo una settimana i piccoli nuotano da soli, assistiti dai genitori, e possono essere nutriti con cibo finemente polverizzato.

Copyright © 2022 - Tutti i diritti riservati