Le patologie prostatiche del cane

Francesca Mussinelli, Medico veterinario | martedì 20 settembre, 2022

I cani maschi, soprattutto di mezza età, possono soffrire di patologie prostatiche: ne esistono diverse e ognuna di loro necessita di una terapia ad hoc. È importante, quindi, arrivare ad una diagnosi precisa della malattia.

La prostata nel cane è una piccola ghiandola, deputata alla produzione del liquido seminale, localizzata vicino al collo della vescica e al suo interno decorre una parte di uretra. Le malattie della prostata sono le più frequenti patologie dell’apparato riproduttore del cane maschio, e interessano prevalentemente i cani di mezza età.

Quali sono i sintomi del cane con patologie prostatiche?

I sintomi più caratteristici sono:

  •  la presenza di sangue nelle urine
  • l’emissione di feci appiattite o nastriformi
  • gli sforzi durante la defecazione
  • a volte zoppia
  • nei casi più gravi dolore addominale, febbre e abbattimento.

La prostata può essere interessata da vari processi patologici, che devono essere differenziati tramite un iter diagnostico che preveda la palpazione dell’organo, l’esame delle urine, gli esami del sangue di base e specifici, la radiologia e l’ecografia. 

Classificazione delle diverse patologie prostatiche del cane

  • Iperplasia prostatica benigna (IPB): è un ingrandimento uniforme della prostata, che insorge spontaneamente ed è legato principalmente al progredire dell’età e può decorre in maniera asintomatica; non sempre richiede una terapia specifica, ma predispone alle altre patologie prostatiche.
  • Iperplasia cistica: si instaura in corso di IPB e, in seguito a ostruzione dei dotti prostatici, si determina la formazione di cisti a contenuto liquido.
  • Prostatite acuta e ascessi prostatici: si tratta di una complicanza batterica in corso di IPB, in seguito alla risalita di batteri dalle basse vie urinarie. In questo caso si può generare un’infiammazione che interessa tutto l’organo o si può creare una raccolta infetta detta appunto ascesso. In ogni caso, la sintomatologia di solito è apparente e causa febbre, abbattimento e dolore addominale.
  • Cisti paraprostatiche: sono delle raccolte cistiche a contenuto liquido che si sviluppano adiacenti alla prostata. Possono decorrere asintomatiche per anni e prevedono una terapia chirurgica.
  • Neoplasie prostatiche: sono una evenienza abbastanza rara nel cane, colpiscono prevalentemente soggetti anziani sterilizzati. Sono tumori prevalentemente maligni e spesso molto aggressivi.

Esistono diverse patologie prostatiche nel cane che richiedono approcci clinici e terapeutici differenti. È, quindi molto importante arrivare a una diagnosi precisa per impostare la gestione terapeutica più idonea al singolo caso. Chiedere il consulto del proprio medico veterinario, a cui è consigliabile consegnare la scheda veterinaria del proprio cane costantemente aggiornata, è uno dei passi per determinare la diagnosi.

Copyright © 2022 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: