La crescita del cucciolo di cane: la fase fisica e comportamentale

Elisabetta Scaglia, Medico veterinario | domenica 17 luglio, 2022

Lo sviluppo fisico e quello comportamentale sono strettamente collegati tra loro e fondamentali affinché, durante la crescita del cucciolo di cane, questo impari a socializzare, ossia a rapportarsi in modo corretto con gli altri individui e con l’ambiente circostante.

Dopo le prime due fasi di sviluppo del cane troviamo un periodo di transizione (dalla seconda alla terza settimana), durante il quale si assiste a una rapida evoluzione fisica, neurologica e degli organi di senso. Il cucciolo prende coscienza dell’ambiente circostante e può rispondere agli stimoli esterni (luce, rumori), migliora la coordinazione motoria e inizia l’interazione con i fratelli.

Il periodo di socializzazione come fase più importante della crescita del cucciolo di cane 

La fase più lunga e importante nella crescita e nello sviluppo comportamentale è il periodo di socializzazione del cucciolo (da 3/4 a 10/12 settimane). In questa fase, continua lo sviluppo delle capacità sensoriali e motorie del cane, che va di pari passo con lo sviluppo del suo sistema nervoso. Il rapido sviluppo fisico è fondamentale perché possa avvenire anche una crescita comportamentale e perché inizi una socializzazione con gli altri individui. Il periodo di socializzazione del cane è un periodo in cui il cucciolo impara a rapportarsi correttamente con l’ambiente circostante e con gli individui che ne fanno parte. Classifica gli stimoli con cui viene a contatto come noti e impara a non averne paura. Aumenta molto l’esplorazione dell’ambiente da parte dei cuccioli e il gioco con i fratelli. 

La socializzazione dopo l’adozione: come continuare la fase di crescita del cane

Sin dal suo arrivo a casa, al fine di proseguire la fase di crescita della socializzazione, il cucciolo di cane va fatto socializzare con il maggior numero di persone e animali, in diverse circostanze e situazioni. Deve poter incontrare persone di entrambi i sessi e di diverse età. Il cucciolo va abituato a diversi suoni, odori e situazioni (macchina, traffico, biciclette, aspirapolvere, asciugacapelli e così via), premiandolo sempre se resta tranquillo di fronte a questi nuovi stimoli; va anche abituato a essere manipolato, per il taglio delle unghie, la pulizia del pelo, il bagno e in previsione della visita veterinaria. L’età ottimale d’adozione del cane si colloca a 8-10 settimane di vita: adozioni precoci e tardive sono altamente predisponenti a problemi comportamentali di diverso tipo (paura, ansia, fobie, aggressività).

Sapere come agevolare le fasi di crescita di un cucciolo di cane è utile anche per favorire l’ingresso del pet nell’ambiente domestico. 

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: