Il diabete nel gatto: cause, sintomi e cura

Francesca Mussinelli, Medico veterinario | venerdì 5 agosto, 2022

La patologia diabetica è frequente nei gatti. Una delle principali cause è il sovrappeso che, se adeguatamente curato, può portare ad una remissione della malattia.

Il diabete è fra le più importanti malattie metaboliche nel gatto. In questa specie si riscontra più frequentemente il diabete di tipo II, causato dalla poca produzione di insulina ma soprattutto da una ridotta sensibilità dei tessuti a questo ormone; si parla infatti di insulinoresistenza.

Cause e sintomi del diabete nel gatto

Sono diverse le cause del diabete nel gatto: terapie cortisoniche prolungate, pancreatiti, infezioni croniche, patologie endocrine come l’acromegalia, ma soprattutto il sovrappeso. Interessa di solito i gatti maschi adulti o anziani, castrati e appunto obesi. I sintomi principali di questa patologia sono l’aumento della produzione di urina, la sete intensa, l’aumento dell’appetito e il dimagrimento.

Questi mici appaiono in cattive condizioni, disidratati, con il pelo dall’aspetto trascurato e, nelle fasi avanzate, possono manifestare una neuropatia che determina un atteggiamento plantigrado: il gatto cammina appoggiando l’arto posteriore fino al calcagno. Se questi sintomi vengono trascurati, il gatto andrà incontro a chetoacidosi diabetica, una condizione che potrebbe mettere a rischio la sua vita.

Come si cura il diabete nel gatto

La diagnosi diabetica prevede la misurazione del glucosio nel sangue, la sua ricerca nelle urine e la misurazione delle fruttosamine, che consentono di valutare il livello di zuccheri nel sangue nelle settimane precedenti al prelievo.

La terapia da somministrare al gatto che soffre di diabete si basa su tre elementi cardine: innanzitutto è necessario riportare il gatto in condizioni di peso ideali, per ridurre il più possibile il fenomeno della insulinoresistenza.

Per controllare adeguatamente il livello di zuccheri nel sangue, verrà impostata una terapia insulinica e sarà fondamentale utilizzare una dieta specifica per questa patologia, sia per evitare i picchi glicemici durante la giornata, che per facilitare la perdita di peso.

È importante, infine, ricordare che nel gatto con diabete, a seguito di una corretta gestione terapeutica e nutrizionale, è possibile avere remissione della patologia anche per periodi prolungati.

Copyright © 2022 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: