Come disinfettare la ferita al cane

Elisabetta Scaglia, Medico veterinario | martedì 19 luglio, 2022

In caso di ferita del cane occorre intervenire rapidamente. Se l'emorragia è ancora contenuta, basta pulire, disinfettare e poi tamponare la zona lacerata con una garza sterile. Se compaiono sintomi sistemici è fondamentale recarsi il prima possibile dal veterinario.

Per ferita si intende, in medicina, una interruzione della continuità dei tessuti, causata da un agente esterno. Può essere superficiale o profonda, accompagnata da emorragia più o meno intensa e, in alcuni casi, può contenere corpi estranei. È fondamentale sapere come disinfettare la ferita al cane prima di portarlo dal veterinario.

Da cosa è causata la ferita al cane

Nel cane, così come nel gatto, le ferite sono causate soprattutto da morsi, oggetti taglienti, armi da fuoco, investimenti; spesso è evidente un danno cutaneo, anche se a volte questo può non corrispondere al danno dei tessuti sottostanti. Le ferite che possono avere conseguenze più gravi sono quelle all’addome, al torace e al collo. Tutte le ferite sono sporche e contaminate: ciò non vuol dire che siano infette; ci vogliono infatti circa quattro ore perché una ferita contaminata diventi infetta. 

Cosa si usa per disinfettare le ferite al cane

Innanzitutto, un primo lavaggio con abbondante acqua è utile per pulire la ferita. In alternativa, si può usare della soluzione fisiologica. In entrambi i casi, la pressione esercitata per irrigare la ferita deve essere sufficiente a pulirla. Per una migliore pulizia, è utile tagliare il pelo intorno alla ferita e, dopo il lavaggio, disinfettare accuratamente. Pulendo, è possibile valutare l’eventuale presenza di corpi estranei, da non toccare ma da segnalare al veterinario, la profondità della ferita e la presenza di sanguinamento. Se la ferita sanguina, è necessario tamponare con una garza (o con quello che si ha a disposizione) esercitando una pressione decisa; se si forma un coagulo, non va tolto e se la ferita è a un arto, questo può essere sollevato per ridurre il sanguinamento. Quando c’è una perdita importante di sangue, possono comparire sintomi sistemici, non localizzati solo alla zona ferita, come: 

  • Tachicardia;
  • mucose pallide;
  • estremità fredde;
  • respiro accelerato;
  • collasso;
  • tosse con sangue;
  • epistassi;
  • forte abbattimento;

In questo caso, è fondamentale recarsi il prima possibile dal veterinario. Durante il trasporto, la zona ferita può essere protetta da una fasciatura pulita. 

Sapere come si disinfetta la ferita al cane, come agire e come riconoscere la presenza di altri sintomi sistemici, può anticipare l’azione del veterinario, comunque necessaria in alcuni casi, e alleviare il dolore del proprio pet.

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: