Il comportamento materno del cane prima e dopo il parto

Elisabetta Scaglia, Medico veterinario | martedì 2 agosto, 2022

Prima e dopo il parto, il cane dimostra di avere un comportamento materno: dalla preparazione del nido alla cura dei cuccioli. La mamma dei piccoli, che si occupa di lavare e cibare i cuccioli, è una figura fondamentale per i primi mesi di vita dei cagnolini.

Il comportamento materno del cane si manifesta sia durante la gravidanza sia, e soprattutto, dopo la nascita della prole, che è totalmente dipendente dalla madre per la sopravvivenza nei primi mesi di vita. 

Gli atteggiamenti del cane prima del parto

Già nella seconda parte della gravidanza, il cane diminuisce l’attività fisica e tende a mangiare con più appetito; 24-48 ore prima del parto inizia solitamente la “preparazione del nido”, cioè del luogo dove partorire. Questo può essere allestito con materiale trovato nell’ambiente o anche, in modo più naturale, scavando una tana nel terreno. 

Quando il parto si fa imminente, la cagna mostra irrequietezza e inappetenza. La fase del travaglio è evidente e caratterizzata da forti contrazioni addominali. Dopo la nascita dei cuccioli, è in genere la madre che stacca con i denti il cordone ombelicale e lecca vigorosamente il piccolo, per liberare le vie respiratorie e stimolarne la respirazione. 

Gli atteggiamenti del cane dopo il parto

Nelle prime tre settimane dal parto, la cagna trascorre quasi la totalità del tempo con i cuccioli; la presenza degli ormoni liberati durante e dopo il parto induce l’accudimento e la protezione della prole. In natura, la cura dei piccoli è condivisa con gli altri membri del gruppo sociale, specie più avanti nella crescita. Nella fase neonatale la madre aiuta attivamente i cuccioli a nutrirsi, spingendoli verso le mammelle e offrendo calore e protezione con il proprio corpo. Dalle 3-4 settimane di vita inizia invece a svezzare i cuccioli, offrendo loro anche cibo solido, spesso rigurgitato (questo avviene in condizioni naturali, ora normalmente le cucciolate vengono svezzate con alimenti appositi). 

Con il passare del tempo, le cure della madre sono meno assidue, anche se rappresentano ancora un porto sicuro per i cuccioli, che intorno al mese di vita iniziano a esplorare il mondo circostante. 

La presenza della figura materna è fondamentale non solo per la cura della salute del cucciolo, ma anche perché possa diventare un adulto equilibrato.   

Copyright © 2022 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: