Gattini cuccioli: il comportamento dalla nascita all’adolescenza

Elisabetta Scaglia, Medico veterinario | martedì 18 ottobre, 2022

Il gattino, fin dai primi giorni di vita, inizia un percorso di sviluppo comportamentale importante. Ecco le quattro fasi di crescita: dal periodo prenatale al raggiungimento della maturità.

Il gattino, durante i primi mesi di vita, va incontro a uno sviluppo comportamentale caratterizzato da fasi uniche, detti periodi sensibili: 

  1. periodo prenatale; 
  2. periodo neonatale; 
  3. periodo di socializzazione;
  4. periodo giovanile. 

Le quattro fasi dello sviluppo comportamentale del gattino

Lo stato emotivo della madre e le esperienze che vive in gravidanza possono influenzare il futuro comportamento dei gattini già da prima della nascita. Allo stesso modo, sembra che anche il temperamento del padre abbia una rilevanza importante nel determinare quello dei figli (periodo prenatale). 

Dopo la nascita, il gattino è totalmente dipendente dalla madre per la sua sopravvivenza, trascorre le prime due settimane di vita mangiando, dormendo e muovendosi molto poco, poiché sistema motorio, sistema nervoso e organi di senso sono ancora profondamente immaturi (periodo neonatale). 

Con il periodo di socializzazione, che va dalle 3 alle 8 settimane circa di vita, maturano le capacità sensoriali e motorie del gattino, che può iniziare ad esplorare l’ambiente e a interagire maggiormente con la madre, i fratelli e con altri individui, uomo compreso. 

A 4 settimane è in grado di retrarre completamente gli artigli, e può essere abituato a usare substrati adatti per farsi le unghie, a 5 settimane ha il controllo completo dell’evacuazione e inizia a cercare il substrato adatto per sporcare (è il momento giusto per insegnargli a usare la cassetta igienica). 

La socializzazione, in questa fase, è molto presente e aiuta ad apprendere la comunicazione sociale e le caratteristiche della vita di gruppo: si identifica la specie di appartenenza e si creano e mantengono legami affiliativi tra gatti. In questo periodo il gattino dovrebbe essere abituato a diverse esperienze, in modo gentile, e a interagire con specie diverse. 

Il periodo giovanile accompagna il gattino verso la pubertà, momento in cui termina questa fase; a livello motorio e sensoriale il gatto ha ormai raggiunto il pieno sviluppo fisico e sta raggiungendo la maturità anche dal punto di vista sociale e comportamentale. 

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: