Come scegliere il cane adatto a noi 

Chiara Suardi, Educatrice cinofila | martedì 25 ottobre, 2022

La presenza di altri animali o la composizione familiare sono fattori che vanno tenuti in considerazione quando si vuole accogliere un cane in casa: ciò aiuta a ridurre lo sviluppo di problemi comportamentali.

In un’analisi attenta del cane da scegliere rispetto alla razza e allo stile di vita delle persone che vivono con lui, bisogna fare attenzione a tutti quegli elementi che spesso vengono sottovalutati ma incidono fortemente sul benessere dell’animale. Questi sono: 

  • i familiari (più o meno partecipi alla relazione con il cane);
  • gli altri animali;
  • eventuali persone che orbitano attorno alla casa come fidanzati, parenti o vicini che il cane incontra in passeggiata.

La composizione familiare ha un ruolo fondamentale nella scelta del cane 

La numerosità della famiglia incide sia per quanto riguarda la gestione del cane, sia per ciò che concerne lo stato eccitatorio presente nella casa. È chiaro che la presenza di bambini vada ad agitare e portare a comportamenti frenetici cani che di per sé hanno tendenze di razza portate a quel tipo di risvolto comportamentale.  

Nelle famiglie con bambini, l’attenzione al cane è ridotta in quanto va suddivisa tra i vari componenti della famiglia e la presenza di più persone porta a modalità di relazione molteplici e spesso contraddittorie: questo genera non poca confusione nella mente del cane. Più i bambini sono piccoli più l’attenzione dovrà essere maggiore, se non altro per controllare la gestione degli spazi e il modo di interagire prevalentemente fisico dei bambini verso il cane. 

Quanto detto finora non fa prevalere la scelta del cane alle coppie senza figli, anzi talvolta la ridotta attenzione al cane è da preferire a un attaccamento morboso in quanto sostituto del figlio che non c’è. Chiaramente non per tutti è così, ma spesso l’investimento affettivo di una coppia senza figli verso il cane è decisamente maggiore di quello di una con figli. Nelle famiglie con anziani, invece, se vivono con la famiglia allargata spesso tendono ad avere atteggiamenti permissivi e risposte meno tempestive dovute alla condizione fisica. Ogni composizione famigliare va tenuta in debita considerazione nella scelta del cane. 

La presenza di altri cani incide nella scelta del cane?

La presenza di uno o più cani dà al nostro animale la possibilità di relazionarsi sia con la propria specie che con l’umano. Di sicuro possiamo affermare che la comunicazione con la propria specie è molto più veloce e tendenzialmente preferita, in quanto si raggiunge l’obiettivo comunicativo in breve tempo. Quando abbiamo più cani dobbiamo incrementare le risorse, dobbiamo trascorrere più tempo con loro, stabilire più chiaramente regole e non pensare che se la sbrighino da soli, aumentare la nostra referenza e quella degli altri membri della famiglia.  

Evitate di lasciare i cani da soli per tutto il giorno, in quanto tendono ad “imbrancarsi”, soprattutto se appartengono a razze competitive, predatorie, territoriali. Si sosterranno a vicenda e ascolteranno di meno il proprietario. 

Quindi, se state pensando a un secondo cane riflettete bene per quale razza optare soprattutto se avete cani tipo lupo cecoslovacco, pastore tedesco, rottweiler, american staffordshire terrier ma anche bassotti o jack russell.

Copyright © 2022 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: