Piovono acciughe a San Francisco 

Alessio Pagani | venerdì 22 luglio, 2022

I piccoli pesci cadono dal cielo, ma non è niente di allarmante. I cambiamenti climatici ne hanno favorito la riproduzione e i golosi pellicani se ne riempiono talmente il becco da farsele scivolare fuori dal becco mentre volano.

Piovono acciughe dal cielo. Accade a San Francisco, in California, ma non siamo nel cuore di una pellicola cinematografica del genere catastrofico. Anche se la colpa è comunque del riscaldamento globale e questo dovrebbe comunque allarmarci. Da circa un mese, infatti, nella metropoli americana ci sono strade e giardini, ma anche macchine coperti da decine di pesci che cadono, letteralmente, dal cielo. Sono perlopiù acciughe e a perderle letteralmente dai loro becchi sono i pellicani e gli altri uccelli marini che se ne nutrono. Succede però che per non essere infastiditi da altri esemplari, questi volatili riempiano a più non posso il becco per poi spostarsi in un luogo più tranquillo. Perdendone così grandi quantità di pesce. E tutto questo è dovuto proprio al cambiamento climatico. I numeri che la popolazione di acciughe ha raggiunto nella baia di San Francisco sono, infatti, ai livelli più alti mai registrati e la crescita è dovuta a un incremento del loro principale nutrimento, il plancton. A far aumentare questa disponibilità è la temperatura nelle acque della Baia di San Francisco, più bassa delle medie stagionali. Colpa delle correnti anomale originate dal riscaldamento globale, che in questa zona, però, hanno una ricaduta particolare. Da qui l’esplosione di acciughe e di pari passo, l’ingordigia di pellicani e cormorani.  

(Foto: IPA)

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags:
Potrebbe interessarti anche