Natale e animali: i 24 consigli dell’ENPA per le Feste a prova di pet  

Alessio Pagani | mercoledì 14 dicembre, 2022

Luci, decorazioni, cibo e giochi. Tutto quello che c’è da sapere per un Natale sicuro per i nostri animali domestici.

Il conto alla rovescia ormai è partito da qualche giorno e per arrivare preparati alla festa più amata dell’anno, l’Ente Nazionale Protezione Animali ha pensato uno speciale “calendario dell’avvento” con 24 consigli per un Natale a dimensione di animali domestico. 

1. Decorazioni a prova di pet: la scelta dell’albero

Se volete andare sul sicuro cercate in commercio gli alberi di Natale a prova di bambino: con una base ampia in acciaio, e, a volte, un’ancora che si attacca alla parete. Attenzione a dove posizionate l’albero, lontano dai punti di passaggio e in una zona riparata della casa dove l’agitare della coda dei nostri cani non rischia di buttarli giù.  

2. Decorazioni a prova di pet: come addobbare l’albero

Evitate di decorare l’albero con palline di vetro che cadendo si distruggerebbero spargendo schegge con cui il cane o il gatto potrebbe ferirsi o che potrebbe ingoiare, con conseguenti danni gravi all’apparato digerente. Meglio scegliere addobbi in legno, feltro, plastica o cartone, avendo cura di posizionarle nella parte più alta dell’albero.

3. Le luci di Natale

Siete tra coloro che riempirebbero ogni stanza della casa con lucine di Natale? Se con voi vivono cani e gatti, però, è importante fare molta attenzione, soprattutto se i nostri animali amano mordere tutto quello che trovano. Quando montate le luci fate attenzione a legare bene insieme i cavi, o l’animale rischia di rimanere incastrato o peggio soffocare.  

4. Gli Insospettabili pericoli natalizi

Le piante natalizie possono dare un tocco in più alle decorazioni in casa, ma pochi sanno che alcune, se ingerite da un cane o da un gatto, sono tossiche. Quali? Stella di Natale, agrifoglio, vischio e abete. In particolare, se cani o i gatti mangiano la stella di Natale, rischiano problemi di digestione che possono causare vomito e diarrea, mentre il contatto diretto con la pelle o gli occhi dell’animale possono causare irritazione o prurito. 

5. I gadget giusti: non ridicolizziamo i nostri pet

State iniziando ad acquistare gadget natalizi in vista delle feste? Evitiamo cappellini, corna o oggetti che ai nostri pet creerebbero solo disagio: basterà una bella bandana o un caldo maglioncino rosso, se uscite al freddo. Oppure scattate la foto vicino a qualcosa di natalizio e il ricordo è assicurato.

6. Un regalo per lui

Loro il Natale non sanno cosa sia, ma di sicuro apprezzano la condivisione. Cercate un bel regalo per il vostro animale con cui giocare insieme. E soprattutto regalategli il vostro tempo, anche 5 minuti al giorno di gioco con lui possono rendervi entrambi felici. Ricordate poi che nemmeno gli animali sono un regalo. Anzi, questa è proprio una pratica da evitare.

7. Un libro per noi

Durante le vacanze comprate un bel libro che vi racconti qualcosa di più sul vostro amico a quattrozampe, loro fanno di tutto per capirci proviamoci anche noi.

8. In montagna il gusto ci guadagna!

Se avete programmato una gita in montagna ricordatevi tutto il necessario per il vostro cane: cera per i polpastrelli, snack calorici se si va in passeggiata, capottino per il freddo se necessario per cani anziani o pelo raso, copertina eventuale da appoggiare a terra, ciotola acqua, lunghina per regalargli una semi libertà e un gioco.

9. Palle…di Natale

Il più delle decorazioni è fatto! Oltre ad addobbare con le palline l’albero prendiamoci una pausa e andiamo sul prato a giocare con le sue preferite.

10. Domeniche di festa…si gioca!

Quale migliore occasione di organizzare per le domeniche di festa una bella sessione di nascondino con tutta la famiglia, coinvolgendo anche i più piccoli? Insieme con i bimbi di casa possiamo organizzare una caccia al tesoro per il nostro cane, sia all’aperto sia al chiuso, nascondendo i premietti vicino un albero del giardino.

11. Vacanze di Natale senza di loro?

Avete in mente un viaggio, ma non potete portare il vostro animale con voi. Organizzarsi in anticipo è fondamentale. Informatevi su una pensione casalinga, con pochi cani e conosciuti e tanti momenti di divertimento. Andatela a vedere prima di persona insieme e valutate le scelte attentamente in base alle particolari esigenze del vostro pet.

12. Vacanze di Natale, tutti insieme appassionatamente

Dovete partire tutti insieme per le vacanze di Natale? Non lasciate nulla al caso. Oltre ad assicurarvi dell’accoglienza per il vostro animale, controllate che la località che avete scelto sia pet friendly e se ci sono particolari restrizioni consultando le ordinanze comunali. 


13. Le Vacanze di Natale sono fatte per l’esplorazione

In albergo o fuori casa, dovunque abbiamo deciso di passare le vacanze dedichiamoci a scoprire il nuovo luogo insieme con i nostri cani, soprattutto se possiamo fare qualche escursione nella natura. Lasciando loro anche il tempo di riposare tranquilli e magari approfittiamone per fare un aperitivo.

14. Freddo e sbalzi di temperatura per il cane

Dicembre è il mese dei primi freddi. Nel cane potrebbe essere utile, al momento della passeggiata, farlo abituare gradualmente alle differenze di temperatura, trattenendosi qualche minuto in un ambiente meno caldo di casa come, per esempio, può essere l’androne di un palazzo. Importante poi coprire i nostri cani, specie se di piccola taglia o a pelo raso o anziani, con dei cappottini e asciugarli sempre dopo una passeggiata in una giornata piovosa.

15. Freddo e sbalzi di temperatura per il gatto

Per la salute dei nostri gatti, umidificare l’ambiente quando si accendono i riscaldamenti è molto importante perché soffrono se l’ambiente di casa è troppo asciutto. Evitare di farli soggiornare su terrazzi nei momenti più freddi della giornata e ricordare che è sempre fondamentale segnalare al veterinario i primi sintomi sospetti di un raffreddamento come starnuti, scolo nasale e oculare, tosse, deglutizioni ripetute, riduzione dell’appetito o aumento della sete.

16. Il menù della cena di Natale

Quando andiamo a fare la spesa per la cena o il pranzo di Natale pensiamo anche al nostro amico, prendendo qualcosa di nuovo sano e gustoso così da condividere il momento speciale. Potremmo scegliere, allergie permettendo, cibi freschi cruelty free stando attenti agli zuccheri e all’eccesso di carboidrati.  

17. Biscotti di Natale

Se prepariamo biscotti in casa facciamo una versione anche per loro: in rete si trovano ottime ricette.

18. L’unione non sempre fa la forza, controlliamo la compatibilità

Se dobbiamo incontrare altri cani o passare la serata insieme, valutiamo la compatibilità prima o potremmo ritrovarci in situazioni complicate.

19. Cena a casa: evitiamo il citofono

Chi ha un animale lo sa: il citofono è spesso motivo di grande agitazione e soprattutto se gli invitati sono tanti può diventare un problema. Ricordarsi di chiedere a chi viene a casa di avvisare tramite telefono: questo aiuterà a scollegare il suono del citofono con l’euforia dell’arrivo di qualcuno a casa. 

20. “Educhiamo” ospiti e parenti

Soprattutto se i nostri animali non sono abituati a ricevere visite in casa, la cena di Natale può essere un momento di grande confusione che può metterli a disagio. Importante quindi aiutarli a integrarsi nel gruppo. Se però amano stare da soli, prepariamo loro già diversi giorni prima un luogo più tranquillo, per esempio una stanza dove si può ritirare in caso di bisogno. Avvisate i vostri ospiti grandi e piccini di non avvicinarsi in modo irruento e ingombrante e di aspettare che l’animale prenda confidenza e si avvicini spontaneamente.

21. I cibi da evitare

È sempre buona norma non dare gli avanzi al cane (o al gatto), e nelle feste di Natale bisogna fare ancora più attenzione. Assolutamente da evitare i cibi processati, che contengono aglio e cipolla, soffritti o aromi. Il cioccolato, come ormai è noto, fa male a cani e gatti, in quanto contiene la teobromina, un alcaloide che i cani metabolizzano molto più lentamente rispetto agli uomini e che causa un accumulo del livello tossico nel loro apparato. Uva passa e uva fresca sono un alimento molto pericoloso per cani e gatti. No agli avanzi di carne contenenti ossa: queste infatti possono conficcarsi nel palato e provocare lesioni.

22. Le eccezioni consentite

Se proprio non riusciamo a trattenerci, qualche assaggio al cane possiamo darlo, ma che sia un alimento sicuro, cotto senza eccessi di sale e senza soffritto e soprattutto in piccole quantità. L’ideale però è tenere qualcosa a portata di mano apposta per lui per evitare sorprese.

23. Diamogli qualcosa da masticare

Masticare riduce i livelli di stress del cane e può aiutarlo ad adattarsi meglio a determinate situazioni che, in condizioni normali, ne aumenterebbero lo stress e il disagio. Mentre noi chiacchieriamo e siamo occupati a tavola diamogli quindi un buon masticativo per aiutarlo a rilassarsi. Per sceglierlo fatevi consigliare dal vostro negozio di fiducia quale può essere il più adatto per il vostro cane.

24. Relax prima dei festeggiamenti

Sicuramente saremo di corsa e probabilmente stressati dai preparativi, ma un consiglio ve lo diamo con il cuore: anche se il tempo non c’è trovatelo e fate una bella passeggiata insieme con il vostro cane o passate qualche momento di relax sul divano con il vostro gatto sarà una grande ricarica per entrambi. 

(Foto d’apertura: IPA)

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: