Lucas, il pinguino con gli stivali 

Alessio Pagani | giovedì 15 settembre, 2022

L’uccello acquatico che soffre di una patologia degenerativa alle zampe potrà contare su speciali “calzature” in neoprene e gomma per tornare a muoversi normalmente.

Le zampe di Lucas ora sono al sicuro. Il pinguino africano di 4 anni, esponente di spicco della colonia ospitata dallo zoo di San Diego, è infatti di nuovo in grado di nuotare e camminare senza sentire dolore o rischiare infezioni. Merito dei suoi “stivaletti” speciali. Dopo che gli è stata diagnosticata una condizione degenerativa agli arti posteriori, così, ha una nuova opportunità di vivere normalmente, grazie all’intervento dei team di veterinari specializzati che, con l’aiuto di Thera-Paw, un’organizzazione che progetta e produce prodotti riabilitativi per animali, ha creato e dotato Lucas un paio di scarpe ortopediche personalizzate.

Sono veri e propri copri-zampe avvolgenti in neoprene e gomma, fondamentali per prevenire lo sviluppo di piaghe da decubito e evitare che le ferite possano infettarsi. La sua malattia, una condizione cronica nota come bumblefoot, può causare, infatti, sintomi che vanno dal lieve arrossamento fino agli ascessi profondi. Se non trattato, il bumblefoot potrebbe portare a sepsi e morte per infezione. Gli stivali, però, proteggeranno le sue zampe e gli garantiranno la possibilità di vivere normalmente. Sono pensati, infatti, sia per riparare le lesioni già presenti, sia per ridurre al minimo il rischio che si sviluppino ulteriori piaghe. «Conosco Lucas da molto tempo, quindi avere la possibilità di fargli vivere una vita normale mi rende felice», ha sottolineato la dottoressa Beth Bicknese, veterinaria senior allo zoo di San Diego. «Gli stivali sono imbottiti e fissati con il velcro, quindi aiuteranno Lucas a partecipare pienamente alla vita della colonia e a mostrare i comportamenti più tipici di un pinguino, come arrampicarsi sulle rocce, nuotare, nidificare e trovare una compagna». 

(Foto: San Diego Zoo)

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags:
Potrebbe interessarti anche