La foca monaca ritorna in Sicilia

Alessio Pagani | venerdì 1 luglio, 2022

Avvistata al largo della costa di Siracusa: un evento eccezionale, perché in libertà ne rimangono meno di 500 esemplari.

In Sicilia è tornata la foca monaca. Anche se è presto per esultare la notizia non può che far piacere a tutti gli amanti dell’ambiente. Nei giorni scorsi, infatti, un esemplare è stato ripreso in mare a largo di Brucoli (frazione di Augusta, nel siracusano) da tre uomini, Enzo Viola, Giuseppe Catania e Umberto Fasone, che erano in barca. Prontamente inviato all’associazione Marecamp, il video mostra la foca che nuota sporgendo la testa dall’acqua poi si gira e s’immerge. Potrebbe essere la stessa già avvistata ad aprile vicino alla riserva del Plemmirio a Siracusa, oppure un nuovo esemplare, eventualità che farebbe pensare a una piccola comunità di mammiferi marini di base nella costa orientale della Sicilia. Una notizia importantissima, anche perché le foche monache sono a rischio estinzione e in Italia vengono avvistate solo sporadicamente vicino le isole toscane e siciliane. È molto importante che l’animale venga visto in salute e in libertà: sembra che in natura ne siano rimasti solamente tra i 350 e i 450 esemplari. Secondo l’IUCN (cioè l’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, che stila una lista delle specie in via di estinzione), la Monachus Monachus è tra gli animali in pericolo: esistono solo due categorie più a rischio, “in pericolo critico” ed “estinta in natura”. Quando era diffusa in tutto il Mediterraneo, del resto, veniva cacciata per la carne, il grasso e la pelliccia. La concorrenza con i pescatori per la risorsa ittica, la pressione umana, le alghe tossiche e i virus ne hanno poi accelerato il declino. Da circa 1.000 esemplari censiti nel 1978, la sua popolazione oggi è più che dimezzata.  Da qui l’importanza di questi avvistamenti. Con l’invito, rivolto a chiunque entri in contatto con questi animali, a non disturbarli e a segnalarne la presenza alla Guardia Costiera, al numero 1530.

(Foto: @onlysealz)

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags:
Potrebbe interessarti anche