Il cane Nero salva un 80enne disperso nei boschi

Alessio Pagani | mercoledì 3 agosto, 2022

L’uomo è stato ritrovato dal quattro zampe del soccorso alpino della Guardia di Finanza sulle montagne della Carnia

Si era perso nei boschi. Smarrendo la strada dopo essersi inoltrato nei boschi tra Sigilletto e il Fio Fulin (Udine) mentre stava cercando funghi. Per sua fortuna, però, dopo l’allarme sulle sue tracce si è messo Nero, un pastore tedesco della Guardia di finanza che opera anche con il suo conduttore, come volontario del Soccorso Alpino. Questo fantastico cane, infatti, ha saputo fiutare le sue tracce, permettendo alle squadre di soccorso di raggiungerlo. Dopo che l’uomo ha allertato il numero di emergenza 112, infatti, si è dato il via alle ricerche con diverse squadre delle Fiamme gialle e del Soccorso alpino schierate in zona. Tra loro anche l’unità cinofila. E sono stati proprio Nero e il suo conduttore a muoversi per primi. Una volta ottenuta la posizione dell’uomo con le coordinate di Sms Locator, il servizio di geolocalizzazione molto utile in questi casi, la coppia si è diretta fuori dai sentieri battuti, affidandosi al fiuto. In pochi minuti il pastore tedesco di sei anni, ha rilevato il cono di odore e, con vari saliscendi in un terreno fortemente impervio, ha seguito la traccia precedendo il suo compagno umano.

Ha poi segnalato abbaiando la sua posizione al conduttore. Che, chiamando il nome del disperso, a quel punto ha potuto ricevere conferma delle sue buone condizioni fisiche ancor prima di raggiungerlo. L’anziano di 80 anni si trovava sopra dei salti di roccia: si era fermato lì senza cercare di proseguire verso il basso. Stava bene ed era solo molto stanco: il rientro in salita è stato fatto lentamente assieme al soccorritore e agli altri colleghi sopraggiunti nel frattempo ad aiutarlo. Fondamentale, però, il lavoro di Nero che ha consentito ai soccorritori di accorciare di molto le tempistiche di azione e riportare a casa il pensionato.

(Foto: Soccorso Alpino e Speleologico Friuli Venezia Giulia – CNSAS)

Copyright © 2022 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags:
Potrebbe interessarti anche