Firenze, lascia 600mila euro al canile

Alessio Pagani | lunedì 2 gennaio, 2023

La struttura comunale, insieme con altri due istituti che si occupano di bambini e anziani, ha ricevuto parte dell'importante donazione da una signora fiorentina. Il Comune userà i fondi per potenziare il centro e migliorare l’accoglienza degli animali.

Un aiuto molto prezioso per i cani e i gatti più sfortunati di Firenze. È quello arrivato dalla donazione testamentaria di 600 mila euro di Fernanda R., una signora fiorentina che ha deciso di destinare la sua ingente fortuna a tre strutture d’eccellenza del territorio nella cura di bambini, anziani e anche animali. Una di queste è il Parco degli animali di Firenze, la struttura comunale in zona Ugnano che ospita un centinaio di randagi e ora diventerà più grande con nuovi box per gli esemplari abbandonati e per le pensioni di cani e gatti. Inoltre sui tetti verranno installati impianti fotovoltaici.

Nei giorni scorsi si è concretizzato l’atto formale di donazione, alla presenza dell’avvocato esecutore testamentario, del sindaco Dario Nardella, dell’assessore all’ambiente Andrea Giorgio e del personale del canile. Il progetto di ampliamento, concordato con l’Asl e con l’Ordine dei veterinari, prevede nuovi rifugi e box pensioni per cani e gatti (rispettivamente 12 e 10 per un investimento di 350 mila euro), la riorganizzazione dell’ambulatorio e la realizzazione di nuovi spazi per l’isolamento nella sede sanitaria in viale Corsica, gestita dall’Asl.

«Siamo orgogliosi di ricevere questa donazione», ha dichiarato il sindaco Nardella, «che dimostra come il nostro Parco degli animali sia una realtà d’eccellenza e un esempio di struttura all’avanguardia vocata al benessere degli animali. Negli anni sono stati fatti molti interventi, come la sala operatoria e l’istituzione della pensione, sempre sold out ad ogni estate. Ma quello che ci fa più piacere è l’alto numero di adozioni, in media 85 cani l’anno su un centinaio di arrivi». 

(Foto d’apertura: IPA)

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags:
Potrebbe interessarti anche