Con i Rhino Bond si salvano gli animali a rischio estinzione

Redazione | sabato 16 aprile, 2022

Emessi dalla Banca mondiale hanno l’obiettivo di salvaguardare e proteggere la fauna selvatica dall’estinzione. Una novità assoluta per il mondo della finanza internazionale.

Lo hanno soprannominato “Rhino bond” perché è un’obbligazione finanziaria che ha lo scopo di salvare e preservare una specie specifica: i rinoceronti neri del Sud Africa. Un obiettivo che rende unico questo strumento finanziario emesso dalla World Bank (Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo) è denonimato Wildlife Conservation Bond (Wcb).  Incoraggiante il suo esordio: il primo round di vendite ha permesso di raccogliere 150 milioni di dollari, come è stato annunciato dalla Banca Mondiale. Il titolo, emesso a fine marzo, ha una scadenza di cinque anni e pagherà agli investitori i rendimenti in base al tasso di crescita delle popolazioni di rinoceronti nel Parco nazionale degli elefanti di Addo, a settanta chilometri da Port Elisabeth, e nella vicina Riserva naturale del Great Fish River. Più precisamente, dopo cinque anni, gli investitori otterrebbero un rendimento compreso tra il 3,7% e il 9,2% se la popolazione aumenterà, mentre non otterrebbero alcun ritorno se non ci fosse alcun cambiamento nel numero di questi animali. Si punta così ad investire risorse per la conservazione di questa specie, ormai in pericoloso declino. Il numero di esemplari è, infatti, calato drasticamente negli ultimi anni: da 65mila, nel 1970, a circa 2.600 ai giorni nostri. Ecco perché, mai come in questo caso, il successo finanziario farebbe rima con una buona notizia per il mondo animale.

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: