Camilla festeggia i 160 anni del centro di salvataggio per animali Battersea 

Alessio Pagani | martedì 19 luglio, 2022

Nei giardini di Clarence House, la Duchessa di Cornovaglia ha ospitato un ricevimento speciale per celebrare lo storico traguardo raggiunto dal rifugio per cani e gatti abbandonati.

Una parata reale. A quattro zampe. Con una guardia d’onore speciale. È quella che ha salutato Camilla, la Duchessa di Cornovaglia, madrina della festa per i 160 anni di attività del centro di salvataggio per cani e gatti Battersea che ha voluto ospitare nella sua residenza a Clarence House. Sua Altezza Reale, che è la patrona dell’organizzazione benefica, è stata accolta da quella che la stampa britannica ha ribattezzo  “Doggy Guard of Honour”, composta da 6 dei cani da salvataggio di Battersea: Buddy, Titch, Reggie, Olive, Pip e Flora. E proprio Flora, una cavalier king femmina, è stata quella con cui Camilla si è intrattenuta di più: una super pubblicità in vista della sua adozione. La Duchessa ha poi parlato con il personale, i volontari e i sostenitori di Battersea, tra cui Paul O’Grady, Amanda Holden e Jaqueline Wilson, ai vertici del gruppo. Dopodiché è stata proprio la duchessa a tagliare la torta di compleanno per l’associazione al cui banchetto, ovviamente, hanno partecipato anche i quattro zampe. Per loro niente dolci, però, ma una bella ciotola di gelato per cani. «Sapete tutti quanto è facile andare lì e uscire con un animale, io l’ho fatto due volte», ha sottolineato la consorte di Carlo d’Inghilterra. «E in questo periodo, a causa del Covid, ci sono molti animali ospitati a Battersea in cerca di casa. Quindi vorrei fare un appello a tutti coloro che ascoltano: se volete un cane o un gatto andate a Battersea e troverete un amico per la vita». Parole davvero sentite, visto che proprio lei ha adottato ben due Jack Russell terrier femmine di nome Beth e Bluebell, comparse recentemente sulla rivista “Country Life” proprio in compagnia della Duchessa.  

Copyright © 2022 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags:
Potrebbe interessarti anche