Allarme cinghiali in città: un incidente ogni 41 ore 

Daniela Bilanzuoli | lunedì 5 settembre, 2022

Intere famiglie con cuccioli invadono da anni le principali città italiane. I pericoli nei centri abitati e la devastazione dei raccolti sono ormai fuori controllo. È ora di intervenire, le proposte ci sono.

È invasione di cinghiali in tutto il territorio italiano. Scorrazzano liberi nelle principali città come Roma, Genova e Torino: questi animali preoccupano la popolazione perché abbattono cassonetti e invadono le carreggiate, procurando rischi e pericoli. A Città del Vaticano si sono addirittura mostrati quasi in posa: in fila indiana, a spasso sulle strisce pedonali, gli ormai “concittadini” dei romani sono stati fotografati dai passanti. A Salerno gli ungulati devastano i raccolti e rovistano nei cassonetti. La Liguria è la prima regione a costituire l’Unità di Pronto intervento che, grazie a veterinari, polizia e guardia faunistica, prova a gestire l’emergenza.

Un fenomeno, quello dei cinghiali nelle città, sempre più in crescita: in poco più di vent’anni sono diventati oltre un milione; nel 2000 si contavano solo trecentomila esemplari. Non si tratta di animali di indole aggressiva, ma la loro presenza nei centri abitati provoca non pochi disagi e sempre più incidenti: i cinghiali mettono a rischio la sicurezza degli abitanti e costituiscono un problema anche per le coltivazioni.

«Questi animali sono attratti da una nicchia alimentare, rappresentata da rifiuti facilmente accessibili», dichiara Federica Pirrone, docente di etologia veterinaria dell’Università degli Studi di Milano. «Gli animali selvatici non entrano nelle città per avvicinarsi all’uomo. Anzi, in genere sono frenati dalle attività umane e dal traffico», ha aggiunto la professoressa. 

Un primo passo per diminuire l’affluenza di cinghiali nelle città, quindi, è una proficua gestione della pulizia dei centri urbani e della raccolta dell’immondizia. 

Secondo il WWF, le soluzioni semplici non risolvono problemi complessi: la caccia ai cinghiali non è un rimedio efficace, una soluzione invece potrebbe essere attirare gli animali in gabbia e procedere con le sterilizzazioni. Oltre a munirsi di recinti elettrificati.

Nel 2022 in Italia si è registrato un incidente ogni 41 ore a causa della presenza di cinghiali in città: la questione del sovrappopolamento di questi animali è un problema da monitorare e risolvere senza più attendere. 

(Foto d’apertura: @gta_sunbeach)

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: