Abbandoni estivi, la piaga continua

Alessio Pagani | sabato 20 agosto, 2022

Solo a giugno a ENPA sono arrivate oltre mille segnalazioni di cani e gatti da recuperare.

Non accenna a rallentare il triste fenomeno degli abbandoni estivi. Una piaga costantemente monitorata dalle associazioni animaliste e dal Ministero della Salute. Un fenomeno però che, al di là delle campagne di sensibilizzazione e delle operazioni di contrasto, non sembra trovare fine. «Solo in due settimane a giugno», segnala l’ENPA, «abbiamo ricevuto una pioggia di segnalazioni e recuperato 1000 cuccioli di cane. Soprattutto al Sud». Ma non sono solo i cani a venire abbandonati: accade anche ai gatti e, poiché quasi sempre sono senza microchip, è più facile allontanarli. ENPA segnala anche un altro fenomeno: la cessione dell’animale da compagnia ad altri proprietari o alle organizzazioni stesse. Un fenomeno questo che se per certi versi è comprensibile, mentre per altri versi si configura come un «abbandono camuffato». Parallelamente, però, c’è anche chi si muove per dare una nuova vita a cani e gatti abbandonati. Il Ministero della Salute ha pubblicato, infatti, i dati relativi alle nuove adozioni fatte tramite i rifugi pubblici o privati convenzionati. In totale le adozioni sono state 33.981 con la Puglia in testa nella classifica delle Regioni che hanno trovato una casa a un cane (6.259 gli animali pugliesi adottati), seguita dalla Campania (5.526) e dal Lazio (4.693). 

Copyright © 2023 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags:
Potrebbe interessarti anche