Perché i cani non devono mangiare cioccolato

Redazione | giovedì 12 maggio, 2022
perché i cani non devono mangiare cioccolato

Parliamo di un alimento assolutamente proibito per i nostri amici a quattro zampe, con effetti tossici anche letali che potrebbero mostrarsi entro le ventiquattro ore successive all’ingestione.

Il cioccolato è un alimento vietato per i cani perché se assunto potrebbe avere ripercussioni molto gravi. Tuttavia, la sua pericolosità non dipende dal prodotto in sé, quanto dalla dose ingerita in rapporto al peso corporeo dell’animale. Inoltre, la teobromina, una sostanza contenuta nel cacao, gioca un ruolo importante nell’effetto che tale alimento ha sul nostro animale. Si tratta di un pericoloso alcaloide che agisce da stimolante sui sistemi nervoso e neuromuscolare e sull’attività del cuore del cane. Gli effetti dell’intossicazione da cioccolato possono manifestarsi da alcune ore fino a ventiquattro ore dall’ingestione, poiché il processo di metabolizzazione del cioccolato nei cani è più lento che nell’uomo. Tra i sintomi potrebbero comparire vomito, diarrea, irrequietezza, tremori muscolari, convulsioni, variazioni del ritmo cardiaco e incoscienza.

Qual è la dose tossica di cioccolato per i cani?

In generale, la dose minima di teobromina che può avere un effetto tossico sul cane è di 20 mg per ogni chilo del suo peso corporeo. Tale dose, che avrebbe effetti tossici leggeri, è ben distante dall’assunzione di 40-50 mg per chilo, che porterebbe invece effetti ben più gravi. Superando i 100 mg per chilo il cane rischierebbe anche la vita. Ma come facciamo a capire quanta teobromina rischia di assumere il nostro amico a quattro zampe? I valori del contenuto in teobromina nei diversi tipi di cioccolato sono variabili. Più il cioccolato è puro, più grande sarà il pericolo: per un animale di 5 kg possono essere letali meno di 50 grammi di cioccolato fondente amaro e 250 grammi di cioccolato al latte. Se il cane pesa 15 kg, la dose letale di cioccolato sarà di 120 grammi, se fondente amaro, o di 750 grammi, se al latte. 

Evitare l’intossicazione da cioccolato nei cani

Il pericolo deriva soprattutto dal fatto che i cani tendono a ingurgitare grandi quantità di cibo in poco tempo, quindi la prima raccomandazione per evitare l’intossicazione di cioccolato nei cani è di non tenerlo a portata di zampa. Il cioccolato bianco non contiene normalmente teobromina, se non in piccolissime dosi, ma presenta comunque sostanze indesiderate come lo zucchero, i grassi idrogenati o coloranti e conservanti che non sono adatti al consumo animale, motivi che si aggiungono alle già citate ragioni per cui i cani non dovrebbero mangiare cioccolato!

Copyright © 2022 – Tutti i diritti riservati

Condividi:
Tags: